Da "l'eco del chisone " del 22 settembre 2004

 

Con il concerto di poesia e musica di venerdì 17 la kermesse entra nel vivo

Cantalibri,
leggere per incontrare l'altro

Si consolida l'iniziativa portata avanti dal Centro culturale di Cantalupa

 

CANTALUPA - Dopo il grande successo di pubblico del concerto "Cantando la speranza" di sabato 11, serata di apertura di Cantalibri, la lunga kermesse culturale entra nel clou, con i numerosi eventi dedicati ad autori letterari, appuntamenti musicali e riunioni conviviali in programma per il prossimo fine settimana.

Anche quest'anno è stato grande lo sforzo del Centro culturale Cantalupa per offrire al territorio pinerolese un evento legato alla fruizione del libro che fosse all'altezza delle aspettative dei suoi numerosi estimatori, che ogni anno affollano i diversi appuntamenti.

"Cantalibri" è una delle poche, felici chance culturali che si è dato il territorio.

In primo piano la Presidente dell'associazione Centro Culturale Cantalupa al Festival
di Mantova (Foto di apertura dell'articolo "Formula Festival" di Sabina Minardi,
comparso su "L'Espresso  n° 36 del 9 settembre 2004)

Merito della presidente dell'associazione, Rosanna Favero che, appassionata di questo genere di iniziative - e infatti anche in questi giorni è stata al prestigioso Festival di Mantova -, ha ogni volta messo insieme i diversi "talenti", proponendo un programma ricco ed eterogeneo.
Toccherà quest'anno all'attore Ugo Pagliai inaugurare ufficialmente l'evento con la serata di apertura di venerdì 17 alle 21, presso il centro congressi "Silvia Coassolo". La serata, intitolata "Concerto di poesia e musica Emozioni e inquietudini di un sublime viaggio", è dedicata a letture di opere di Dante tratte dalla Divina Commedia, di Franz Listz e Francesco Petrarca. Sarà accompagnata dai musicisti Sergio Patria al violoncello e Elena Ballosio al pianoforte.

Per prenotazioni (ingresso 8 euro), rivolgersi in Comune o al Centro Culturale presso la villa comunale.

La ricetta di "Cantalibri" consiste proprio in questo: saper dosare attentamente ingredienti tra loro eterogenei, in modo da accontentare un pubblico di lettori quanto più vasto possibile. Un evento "glocal", se vogliamo utilizzare un neologismo, che sa dare spazio alle realtà locali (autori, case editrici, e libri che trattano di storia locale), ma anche global, con uno slancio verso i grandi temi della vita e dell'uomo che appartengono a tutti.
Anche la formula varia: all'accademica presentazione di un volume alla presenza del'autore spesso segue una degustazione di prodotti locali. La cultura per quelli di Cantalupa - che sanno come, nella storia, la convivialità si sia sposata spesso con la discussione filosofica, politica e con la fruizione del bello scrivere ha un'accezione ampia: è dibattito, scambio, incontro di uomini, prima ancora che di libri, di persone, ancor più che di personaggi.
Ampio spazio è dato anche alla musica. Anch'essa in fondo è pagina scritta. E il musicista è come un'attore che legge ed interpreta ad alta voce ciò che altri hanno composto.
Nel pomeriggio di sabato 18 e per tutta la giornata di domenica 19, nei giardini del monastero, nel centro storico e nella villa comunale si terrà la mostra-mercato di libri sulla storia del pensiero religioso, la mostra mercato di libri sul tema "Nostra terra: storie, leggende- tradizioni".
Molte le case editrici che hanno dato la loro adesione.

Da "l'eco del chisone " del 22 settembre2004

Domenica 19 il circuito della Provincia "Città d'arte" giunge a Cantalupa

Tutti gli appuntamenti con gli autori

Mostre-mercato di libri a tema, stand con le case editrici, incontri, dibattiti, musica e convivialità

CANTALUPA - Nelle giornate di sabato e domenica gli appuntamenti si alternano nelle vie e borgate del centro storico presso le quali sono allestite le bancarelle della mostra-mercato sui libri legati a storie, leggende e tradizioni piemontesi, stand e punti incontro.

foto cantalibri cosmopolitaSABATO 18
Quattro le presentazioni di libri fissate per sabato 18. Alle 16, nel cortile Pignatelli, Giustino Bello presenta 'Fortunato il capostazione di Moncalvo. Racconti monferrini degli Anni '40" di Massimo Scaglione.
Alle 17, nei giardini del monastero, Paolo Pellegrino presentai! volume "Maria Vittoria - Il sogno di una principessa in un regno di fuoco" di Carla Casalegno, Effatà editrice. Segue rinfresco con degustazione miele della Vai Noce.
Alle 18, presso i giardini della villa comunale, Antonio Bellan e Sofia D'Agostino presentano "Prove di crescita" di Carlo Gremo, Alzani editore. Sarà presente l'autore. Segue degustazione prodotti tipici del Pinerolese.
Alle 20,30, nel cortile Pignatelli saranno presenti Aldo Landi e Marzio Rasini a presentare il volume "Chi è di scena" di Piergiorgio Balocco. Seguirà il concerto degli "Unit Four" con canzoni di Frank Sinatra, Dean Martin e Nat King Cole. Ingresso libero.
Alle 21, in piazza Monastero, i gruppi "Triolet" e "C'est Choutte" intratterranno il pubblico con musiche occitane; alle 21,30, in villa comunale, Daniela Grill, direttrice di radio Beckwith, incontra Andrea Malabaila, autore de "I ragazzi di Goldrake" e di "Bambole cattive a Green Park", Marsilio editore.
Dj set a cura di Radio Beckwith.
DOMENICA 19
Sei le presentazioni di volumi fissate per domenica 19. Alle 11, ai giardini del monastero, Silvia Marcelli, Liliana Rasetti e Cecilia Arrigoni presentano "Lampi" di Carla Ganglio (segue -degustazione miele Vai Noce);
alle 11,30
, nella villa comunale, Eva Monti presenta "Vivere insieme appassionatamente" di Massimo Acuto e Silvia Bocco;
alle 15,30 Nadia Sussetto presenta "La libertà tradita" di Fabrizio Legger; alle 16 Claudio Ciancio presenta il volume "Una fonte di acqua viva" di Giorgio Bouchard;
alle 21,15 Roberto Costelli e Gianni Oliva presentano "Salvato dal nemico" di Riccardo Chiaberge, Longanesi editore, liberamente ispirato alla strage di Cumiana dell'aprile '44. Segue degustazione liquori delle Alpi.Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero e alla presenza dei rispettivi autori.
Alle 16 Fabrizio Pignatellie Albina Malerba del Centro studi piemontesi presentano l'incontro "Parole e musica del nostro Piemonte" alla presenza di Adriano Bianciotto, Carlin Porta, Angelo Martinelli, Grazia Calmiero, Rita Previati e Beppe Novarya. Nel corso dell'incontro saranno presentati i libri "Schiribiss" di G. Calliero e R. Previati, "Incontri" di G. Badi, "Dal Monviso alla California - L'emigrazione dimenticata" di A. e A. Occelli, "Fortezze e cittadelle. Difese secolari tra Italia e Francia" di Chiantore e Gariglio.
Alle 17, nei giardini del monastero, si svolgerà un incontro-dibattito sul tema "Tornerà a cantare la lupa?" con G.F. Righero e P. Bertotto (Tutela flora e fauna della Provincia di Torino), E. Ferroglio (Università di Torino), E. Accattino (Wwf zona pinerolese) e Giovanni Picco (presidente del Parco del Gran Paradiso). Durante l'evento sarà presentato il libro "Il lupo tra storia e leggenda" di Michele Buniva, realizzato da "Il Rubat" di Piscina.
Due concerti chiuderanno la serata:
alle 18 la Corale cristiana della Chiesa evangelica di Torino si esibirà ai giardini del monastero e alle 20,30 la banda musicale di Cumiana alla villa comunale.

Gli appuntamenti di "Cantalibri" proseguiranno ancora giovedì 23 con, alle 20, la riunione conviviale e presentazione del libro sulle dive del regime fascista "Ingenue, maliziose, fatali o popolane, ma soprattutto... italiane" di Massimo Scaglione.
Sabato 25 alle 16 incontro su "Vittorio Morero: teologo, giornalista, scrittore" (e noi diciamo soprattutto direttore per 30 anni de "L'Eco del Chisone" e nostro maestro n.d.r.), scomparso nel marzo 2004.
Ancora sabato 25 alle 20,30 "La compagnia dell'anello" presenta "Il signore degli anelli. La pazienza e la compassione trasformano il fallimento in vittoria", in collaborazione con la Diocesi di Pinerolo.
Domenica 26 alle 14,45 ancora libri: "Il contadino e la naja", "Papà non voglio morire" Tempi di guerra. Diario partigiano in Val Chisone e Germanasca" e concerto della corale Bric Boucie di Pinerolo. Seguirà castagnata.
Venerdì 1° ottobre protagonista il libro "Torino operaia" di Adriano Ballone.
Gran finale sabato 2 ottobre, alle 21, con concerto finale con la partecipazione dei vincitori del 2° Concorso musicale del Comune di Cantalupa.

Sandra Bianciotto

 

foto bancarella CantalibriCantalibri in breve
• Durante la manifestazione i ristoranti locali proporranno menu convenzionati a 10, 13, 14 e 20 euro, sia a pranzo che a cena.
Per informazioni: tel. 338 220.6128.

• Domenica 19 II circuito della Provincia di Torino "Città d'arte a porte aperte" giunge a Cantalupa.
La cittadina si presenterà ai visitatori, oltre che con la kermesse culturale, attraverso il suo patrimonio architettonico.
Sarà possibile ammirare la chiesa parrocchiale, il campanile romanico, le cappelle della Maddalena, di S. Antonio e S. Martino.

• In caso di maltempo tutte le manifestazioni e gli incontri all'aperto saranno trasferiti in locali chiusi.

• Sabato 18 e domenica 19, nei giardini della villa comunale, servizio bar e nello spazio Cantalibri-relax si potranno leggere gratuitamente i settimanali pinerolesi e i maggiori quotidiani nazionali.

• Prossimo appuntamento del Centro culturale: visita a Brescia sabato 23 ottobre alle mostre "Monet, La Senna, Le Ninfee", "Guttuso", "Gino Rossi", "Da Raffaello a Ceruti" e "Da Rembrandt a Morandi".

 

Da "TORINO SETTE ", "LA STAMPA" del 8 settembre 2004

 

"CANTALIBRI" A CANTALUPA

Un po' sagra ed un po' salotto

 

Da sabato 11 la quinta edizione della rassegna letteraria
Incontri con gli autori, ma anche musica, teatro e mostre

• SABATO 11 settembre prende il via Cantalibri, ormai consueta manifestazione letteraria e musicale che per 15 giorni, fino a sabato 2 ottobre, animerà strade, cortili e giardini del piccolo comune di Cantalupa.

Quest'anno l'iniziativa compie cinque anni e non si può certo dire che li porti male. La formula è cambiata: Cantalibri è slittata da giugno a settembre, per evitare la canicola, ha scelto una cifra squisitamente "culturale" e non più anche enogastronomica, ha abbandonato le passeggiate e gli itinerari letterari di un tempo con una presenza più stanziale nel paese delegando a rinfreschi organizzati al termine delle presentazioni di libri l'aspetto della convivialità e della promozione del territorio; si è ulteriormente arricchita di eventi, incontri con gli autori, cantate e suonate di ogni sorta, convegni e mostre librarie.

Il calendario è fitto e variegato, tenuto insieme da una costante attenzione alla storia, alle tradizioni popolari e religiose piemontesi, alle riflessioni su natura e ambiente. Si va dalla rassegna di canti gospel (sabato 11, ore 21) ai racconti monferrini degli Anni Quaranta (sabato 18, ore 16), dalle danze occitane suonate dai troubadur per le vie del borgo alla ricognizione delle dive delregime fascista (giovedì 23, ore 20), dalla poesia piemontese del Novecento (domenica 19, ore 16) alla rievocazione della strage di Cumiana dell'aprile '44 (domenica 19, ore 21,15), passando per la Torino operaia raccontata da Adriano Ballone (venerdì 1 ottobre, ore 21) e una versione teatrale-amatoriale de «Il Signore degli Anelli» (sabato 25, ore 20,30).

Un po' sagra un po' salotto, la kermesse, sottolineano gli organizzatori, si fonda quasi interamente sul contributo e l'intervento di giovani volontari e dell'Associazione Centro Culturale Cantalupa. Ai primi è dedicato sabato 11 (alle ore 21) il concerto di apertura "Cantando la speranza" a cura del St. Peter's Group di San Pietro Val Lemma e del "Cantor" di Cantalupa.

Uno dei momenti più significativi sabato 18 e domenica 19 quando i giardini del monastero ospiteranno la mostra mercato di libri sulla storia del pensiero religioso e la piazza del Municipio, i giardini della Villa comunale, aie e tettoie del centro storico si animeranno con l'esposizione di libri sul tema "Nostra terra: storia, leggende, tradizioni". Tra le case editrici presenti alla mostra Alzai, Araba Fenice, Blu Edizioni, Claudiana, Edizioni Gruppo Abele, Priuli e Verrucca, Effatà, Fogoda, Il Punto-Piemonte in Bancarella, Spoon River.

Nel corso del fine settimana i ristoranti di Cantalupa - il Tre Denti in via Roma 25, l'Agroturismo Martina in strada Martina 18, il ristorante Papà Magiorin in via Chiesa 16, il ristorante La Quiete di via Scrivanda 20 e Baby-Pizza in via San Giusto 37 - proporranno i menù Cantalibri a 10, 13, 14 e 20 euro (pranzo o cena).

Irene Amodei

 

Da "TORINO SETTE ", "LA STAMPA" del 8 settembre 2004

UGO PAGLIAI
E IL RICORDO DI DON MORERO

Tra le tante proposte di Cantalibri, ne segnaliamo tre in particolare.

In primo luogo, merita una sottolineatura l'appuntamento di sabato 25, alle 16, nei giardini della Villa comunale, dedicato alla commemorazione di don Vittorio Môrero, teologo, giornalista e scrittore recentemente scomparso. Don Morero per anni diresse «L'Eco del Chisone», e fu una delle personalità di spicco della cultura e della vita pubblica non soltanto del Pinerolese.

Partecipano all'incontro Ferdinando Charrier, vescovo di Alessandria, Giorgio Bouchard, pastore della Chiesa Valdese, lo storico Francesco Traniello e Alberto Barbero, sindaco di Pinerolo; modererà Franzo Grande Stevens.

Per gli appassionati di teatro e di musica, da non perdere, venerdì 17 al Centro Congressi "Silvia Coassolo", alle 21, il recital di Ugo Pagliai, accompagnato al violoncello da Sergio Patria e al pianoforte da Elena Ballosio, con testi di Dante e di Petrarca, di cui cade quest'anno il 300° anniversario della nascita.

Infine va ricordato il convegno che si terrà domenica 19 settembre ai giardini del Monastero, alle ore 17, sul tema «Tornerà a cantare la lupa?», nel quale esperti del settore, quali Gian Franco Righero e Paola Bertotto, dei Servizi Tutela Fauna e Flora della Provincia di Torino, Ezio Ferroglio, dell'Università di Torino e Eros Accattino, responsabile del Wwf per il Pinerolese, discuteranno con Giovanni Picco, presidente del Parco Gran Paradiso, della presenza e del ritorno del lupo nelle nostre valli a partire dal volume "Il lupo tra storia e leggenda", frutto di una ricerca del gruppo Il Rubat di Piscina.-

[i. am.]